I paesi hanno firmato ufficialmente l'industria degli strumenti RCEP ha inaugurato una nuova situazione del commercio

Il 15 novembre 2020 è arrivata una grande novità che è diventata al centro dell'attenzione dei paesi di tutto il mondo. Dopo otto anni di negoziati, i leader di 15 paesi, tra cui Cina, Giappone e Singapore, hanno firmato l'accordo RCEP tramite videoconferenza.

Si è appreso che RCEP si riferisce generalmente al partenariato economico globale regionale, e i suoi paesi membri includono Indonesia, Malesia, Filippine, Tailandia, Singapore, Brunei, Cambogia, Laos, Myanmar, Vietnam, Cina, Giappone, Repubblica di Corea, Australia e Nuova Zelanda. L'accordo riguarda l'eliminazione delle barriere commerciali interne, la creazione e il miglioramento di un ambiente di libero investimento, l'espansione degli scambi di servizi, la protezione dei diritti di proprietà intellettuale, la politica di concorrenza e altri settori.
Secondo l'accordo tra i 15 paesi adotteranno la via delle due offerte bilaterali per la liberalizzazione del commercio di merci, dopo che l'accordo entrerà in vigore all'interno della regione, oltre il 90% degli scambi di merci raggiungerà alla fine la tariffa zero, e principalmente immediatamente inferiore tasse a zero e tasse inferiori a zero per 10 anni, dovrebbe rendere la zona di libero scambio RCEP in un tempo relativamente breve tutti gli impegni di liberalizzazione del commercio di merci.

Il ministero delle Finanze ha affermato che la firma con successo del RCEP svolge un ruolo estremamente importante nel potenziamento della ripresa economica post-epidemia e nella promozione della prosperità e dello sviluppo a lungo termine di tutti i paesi. Un'ulteriore accelerazione della liberalizzazione del commercio darà maggiore impulso alla prosperità economica e commerciale della regione. I vantaggi preferenziali dell'ACCORDO andranno direttamente a vantaggio dei consumatori e delle imprese industriali e giocheranno un ruolo importante nell'arricchimento delle scelte nel mercato dei consumatori e nella riduzione dei costi commerciali per le imprese.

La firma di qualsiasi accordo alla fine tornerà allo sviluppo economico e ai benefici per le persone. Per l'industria cinese degli strumenti e degli strumenti, la firma della RCEP promuoverà notevolmente l '"uscita" e il "coinvolgimento" dell'industria cinese degli strumenti e degli strumenti, aprendo una nuova situazione commerciale.
In quanto mezzi e attrezzature ampiamente utilizzati nell'industria, nell'agricoltura, nella ricerca scientifica e in altri campi di misurazione, raccolta, analisi e controllo, i prodotti di strumenti e misuratori coprono quasi tutti i campi delle attività umane. Dopo decenni di sviluppo, l'industria cinese degli strumenti e degli strumenti ha formato una categoria di prodotti relativamente completa, con una certa scala di produzione e capacità di sviluppo del sistema industriale, la crescita è molto rapida, alcuni prodotti soddisfano la domanda del mercato interno, ma anche un gran numero delle esportazioni verso il mercato estero.

È vero che i dazi statunitensi hanno esercitato pressioni sui profitti di molti esportatori dall'inizio della guerra commerciale del 2018, ma nell'ultimo anno la maggior parte ha cercato attivamente di diversificare i propri mercati per ridurre l'impatto dei dazi statunitensi.

Questa volta, il vantaggio più immediato della firma del RCEP è la riduzione delle tariffe commerciali tra i paesi MEMBRI DELL'ACCORDO, rendendo più facile per le aziende investire ed esportare beni e servizi all'estero. Per le imprese impegnate nel commercio di esportazione di strumenti e misuratori, è utile aumentare l'esportazione di prodotti, aumentare il reddito aziendale, migliorare la competitività dei prodotti ed espandere il mercato estero.

Inoltre, a causa della riduzione delle tariffe, dei prodotti di strumenti e contatori nella catena industriale complessiva di cooperazione e cooperazione internazionale e più conveniente, allo stesso tempo, i mercati internazionali e nazionali possono uno scambio più conveniente dei beni necessari, favorevole all'importazione di imprese nazionali prodotti di strumenti e misuratori per soddisfare la domanda.

Questa volta, 15 paesi hanno firmato l'RCEP. Nel modulo di impegno tariffario di ciascun paese, i prodotti di strumenti e misuratori coinvolti includono forme d'onda, analizzatori di spettro e altri strumenti e dispositivi utilizzati per la misurazione o l'ispezione dell'elettricità. Macchine e apparecchi di prova per durezza, resistenza, compressibilità, elasticità o altre proprietà meccaniche; Strumenti e dispositivi analitici fisici e chimici (es. Gascromatografo, cromatografo liquido, spettrometro).
È prevedibile che con l'attuazione di regole uniformi di origine, procedure doganali, ispezione e quarantena, norme tecniche e altre regole, l'eliminazione delle barriere tariffarie e non tariffarie libererà gradualmente l'effetto di creazione del commercio del RCEP. Essendo il secondo più grande produttore di strumenti e misuratori al mondo, la competitività dei prodotti cinesi di strumenti e misuratori sarà ulteriormente migliorata, a vantaggio di più imprese e consumatori.


Tempo post: Dec-02-2020